Silvio Girolamo
04.jpg

Spazio Di.

INTERIOR DESIGN

Spazio Di. is an important showroom near Bari, in Puglia. The project interests a new exhibition area of about 25 mq. The approach to the project was intentionally dosed by the use of a simplified color palette preferring the warm tones of light walnut and terracotta opposed to intense black lines and stripes that always gives a modern touch to the space. The entrance is marked by a neon sign positioned on a polycarbonate support that serves as an architrave. The black carpet strips, over the old floor, marks the walkway paths and gives a pleasing graphic pattern. The linear hangers follows the perimeter but, in certain points, change their movements in order to create a different altitude section. In the central block, instead, two identical structures, characterized by a curve as a support, delimit a work table. This simplicity of the forms and movements is contaminated from the entrance on the scene of vases and pottery shards integrated in the structures investing the space of a new emotional charge.

Spazio Di. è uno showroom di abbigliamento alle porte di Bari, in Puglia. Lo spazio interessato dal progetto è una nuova area espositiva e di vendita che si estende per una superficie di circa 25 mq. L'approccio al progetto è stato volutamente dosato dall'uso semplificato della palette cromatica prediligendo i toni caldi del noce chiaro e della terracotta in contrasto a linee e strisce di un nero intenso che dona sempre un tocco di modernità agli spazi. L'ingresso allo spazio è segnato da una grande insegna a neon posizionata su un supporto in policarbonato che funge da architrave. La vecchia pavimentazione è stata interrotta da strisce di moquette nera che da un lato segna i percorsi di camminamento e dall'altra dona un gradevole motivo grafico al piano di calpestio. L'appenderia segue lineare il perimetro seppur a tratti interrompendosi per creare dei cambiamenti di quota con un conseguente effetto a gradoni. Nel blocco centrale, invece, due corpi identici, caratterizzati da una curva come appoggio, delimitano un tavolo di lavoro. La semplicità delle forme e dei movimenti viene però contaminata dall'ingresso in scena di vasi e cocci in terracotta che, integrati nelle strutture in ferro, investono lo spazio di una nuova carica emotiva.

Photo: Giuseppe Manzi